IN VIA - 2011 / 2008

Inviare. Un'azione costante dei nostri giorni. Ma in-via è ciò che precede l'invio, è il percorso, la strada, l'inciampo, il paesaggio, la sosta, la corsa, l'incontro. Tutto ciò che raccolto sul sentiero quotidiano può meritare di essere in-oltrato.

PRONTI? Quasi pronti? Ne vogliamo parlare?

Tra qualche mese Paternò sceglierà il nuovo sindaco e i 30 consiglieri che dovranno affrontare una fase delicatissima della storia della città, stretta tra il disastro finanziario, il declino economico e la crisi sociale. Come costruiremo questo futuro? Partendo dai nomi dei candidati? Anche.Ma non perchè le persone candidate possano determinare in sè un cambiamento, oppure basta scegliere una persona ed i problemi magicamente si risolveranno.

Credo che la vicenda della riduzione delle spese "della politica" a Paternò siasignificativa da molti punti di vista, ma soprattutto per dimostrare che la politica, quando si basa su idee forti, può superare il problema dei numeri.Tutto inizia alcuni mesi fa, quando il sindaco dichiara che è necessario ridurre drasticamente le spese per il personale comunale, dato che è impossibile far quadrare altrimenti il bilancio.

Alla fine è passata, il sindaco ha raccolto una maggioranza risicata di 16 consiglieri (quelli appena sufficienti) ed hanno approvato l'addizionale I.R.P.E.F. dello 0,2% per i cittadini paternesi. Le motivazioni che hanno addotto sono ridicole. Il sindaco ha spiegato che senza addizionale non si sarebbe potuto fare la festa di S. Barbara nè sistemare le strade. Abbiamo spiegato che per raccogliere i 450.000 euro che porterà l'addizionale bastava tagliare indennità di consiglio e giunto, e nemmeno del 100%, ma solo in parte.

se ha bisogno di ulteriori informazioni, sentiti libero di contattarmi

Biografia

Sono nato nel 1970. Vivo a Paternò, città di cui sono stato sindaco dal 2012 al 2017. Laureato in lettere classiche, insegnante per molti anni (un lavoro bellissimo), adesso dirigente scolastico.
Ho iniziato il mio impegno ecclesiale nei gruppi francescani, di cui ancora faccio parte, quello politico nella Rete, negli anni '90, insieme a quella generazione di siciliani che si è persuasa di riuscire ad assistere alla fine della Mafia, e perfino di contribuirvi. Lo penso ancora.
Mauro Mangano

Ultimi articoli

Dantedi

Un gioco, se volete, un...

Didattica da toccare

- Didattica è il...

Sradicamenti immemorabili

Ovvero di come la...